Come impostare il mobile debugging su Android con Google Chrome

Tutto ciò che occorre è una periferica Android, un cavo USB, la macchina su cui si sviluppa, e l’ultima versione di Google Chrome o di Chrome Canary.

Prima di tutto è necessario attivare la modalità Development sulla periferica Android. Il procedimento potrebbe essere diverso a seconda del tipo di periferica, ma normalmente si sviluppa secondo le seguenti modalità.

Si vada sulle impostazioni della periferica e si cerchi la voce Info sul dispositivo, quindi si clicchi sette volte sul numero della Build. Questo attiverà la funzionalità delle Opzioni Sviluppatore, che darà accesso ad una serie di ulteriori opzioni.

Ora si acceda al menu Opzioni sviluppatore e si selezioni la voce Debug USB.

Ora si avvi Chrome (o Chrome Canary) sul desktop e si digiti chrome://inspect nella barra degli indirizzi. Si apra la pagina da analizzare sulla periferica Android e si connetta la periferica al computer attraverso il cavo USB. Si dia conferma, quindi, nella finestra di dialogo che apparirà sulla periferica.

Ora si torni a Google Chrome sul desktop. Qui ci sarà un elenco delle periferiche collegate e di tutte le schede di Chrome aperte sulle singole periferiche.

Ora si può analizzare, focalizzare, ricaricare e chiudere ognuna delle schede aperte. Inoltre, è anche possibile aprire nuove tab su Android operando dal desktop.
A questo punto si può procedere con l’analisi delle pagine su mobile esattamente come si procede dal desktop.

Queste informazioni sono state tratte dai video qui riportati: