Obiettivi e Motivazione: Perché Bisognerebbe Lavorare in un’Azienda Distribuita Almeno una Volta

Un’azienda distribuita è un’organizzazione priva di un unico centro operativo, i cui lavoratori si trovano dislocati geograficamente anche sull’intero pianeta.

Lungi da me l’intenzione di proporre un’analisi organizzativa. Qui mi interessa solo elencare una serie di elementi che differenziano le aziende distribuite rispetto al tradizionale modello di impresa con sedi operative geograficamente localizzate in luoghi specifici dal punto di vista di chi lavora. A mio avviso, in alcuni settori di mercato le imprese centralizzate costituiscono un modello arcaico, inefficiente, inefficace e tendenzialmente inumano.

Come ben sottolinea l’autrice dell’atricolo Creating a distributed company culture, la cultura è determinante.

Un’azienda o un team mal gestiti creano una cultura tossica e, volenti o no, con la cultura bisogna farci i conti.

The desired values and behaviours of a strong culture are articulated, modelled, reinforced and rewarded. When culture is not properly established, nurtured and used as the core operating system of an organization, actual employee behaviour can stray very far from aspirational values.

Il che vuol dire che che bisogna creare e mantenere valori positivi affinché i comportamenti dei dipendenti seguano la direzione desiderata.

Ma già parlare di comportamente desiderato può far storcere il naso. Meglio sarebbe se chi lavora nell’organizzazione fosse considerato una persone che contribuisce alla sua crescita, piuttosto che un lavoratore i cui comportamenti vadano indirizzati.

Quali sono le caratteristiche della cultura di un’azienda distribuita (o, meglio, quali caratteristiche deve avere la cultura di un’azienda distribuita affinché questa abbia successo nel tempo)?

Secondo l’autrice dell’interessante articolo che ho citato, le aziende distribuite devono innanzi tutto abbracciare la diversità ed essere inclusive, e, a supporto della sua argomentazione, cita il Credo di Automattic, che voglio riportare qui per intero, dato che mi sembra un ottimo testo motivazionale:

Non smetterò mai di imparare. Non lavorerò solo sulle cose che mi sono state assegnate. So che non esiste una cosa come lo status quo. Costruirò la sostenibilità del nostro business attraverso clienti appassionati e fedeli. Non perderò mai l’opportunità di aiutare un collega, e ricorderò i giorni prima che sapessi tutto. Sono più motivato dagli effetti che dal denaro, e so che l’Open Source è una delle idee più potenti della nostra generazione. Comunicherò il più possibile, perché è l’ossigeno di un’azienda distribuita. Sono in una maratona, non in uno sprint, e non importa quanto lontano sia l’obiettivo, l’unico modo per arrivarci è mettere un piede davanti all’altro ogni giorno. Tenuto conto del tempo, non c’è alcun problema che sia insormontabile.

Questa è la creazione di una cultura organizzative

Altra caratteristica è la flessibilità finanziaria. Non dovendo investire in immobili e attrezzature geograficamente localizzate, le aziende distribuite possono reinvestire le proprie risorse in modo più produttivo.

E poi sono aperte, nel senso di trasparenti nel dare informazioni che un’azienda tradizionale riterrebbe riservate, come gli stipendi di tutti i dipendenti, e autentiche, nel senso di aver cura dei propri dipendenti, offrendo loro vari tipi di supporto, come l’assistenza per i figli dei dipendenti e il supporto psicologico.

Giorno 24: Perché Tutti Dovrebbero Lavorare in un’Azienda Distribuita Almeno una Volta nella Vita

Perché la cultura, una volta acquisita, rimane dentro. Nella mia esperienza personale ho avuto modo di vivere più di una volta quella cultura descritta nell’articolo che ho citato. Le prime volte ne ero stupito e, confesso, ho avuto difficoltà ad orientarmi. Tuttavia, una cosa mi è stata da subito chiara: il rispetto per le persone, la delicatezza e l’attenzione nella comunicazione, la cura nel non creare imbarazzi, l’apprezzamento per ogni contributo del singolo e la sua attenta valutazione.

Faccio quindi un elenco delle caratteristiche che mi sembrano più rilevanti nel lavorare da remoto in un’azienda distribuita. Alcune sono vantaggi, altre opportunità, altre ancora svantaggi. In nessun ordine particolare, anche perché l’ordine e la collocazione potrebbero cambiare a seconda del punto di vista.

  • Diverso stile di comunicazione
  • Grande rispetto e attenzione per le persone
  • Gestione del tempo flessibile
  • Stimolo alla propria capacità di auto organizzazione del lavoro
  • Necessità di porsi degli obiettivi individuali
  • Necessità di mantenere alta la motivazione
  • Necessità di socializzare e di curare le relazioni
  • Necessità di curare la propria formazione e l’aggiornamento professionale
  • Occasione di perfezionare la conoscenza dell’inglese
  • Lavorare in un ambiente ricco di stimoli, interagendo con professionisti di caratura internazionale

Se volete un elenco meglio strutturato, date un’occhiata al Remote Only Manifesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *